La Grande Opera

scritto da alessandro il 6 settembre 2003 Commenti 0 Approfondimenti , Oggetti Leggendari

Cerchiamo di descrivere il processo più o meno comune usato dagli alchimisti per produrre la “grande opera”, ovvero il processo per ottenere la Pietra Filosofale.
Di solito essi iniziavano mescolando minerale di ferro con piombo o mercurio e un acido che poi riscaldavano accuratamente in un crogiolo. Molti trovarono la morte proprio a causa dei vapori altamente tossici prodotti da simili reazioni.
Dopo il riscaldamento il materiale veniva dissolto in un acido; ciò doveva essere fatto nella penombra, possibilmente la chiaror di luna. A questo punto iniziava la distillazione del materiale ottenuto, attraverso i due elementi simbolo del sole e della luna (Zolfo e Mercurio). Tale stadio era particolarmente pericoloso, considerando che questo processo è molto simile a quello usato per ottenere la polvere da sparo.
Il tutto a questo punto veniva sigillato accuratamente in un recipiente chiamato “Uovo Filosofale”; gli elementi a questo punto anneriscono e si putrefanno raggiungendo lo stadio del “Nigredo”. Scaldando ulteriormente si può ottenere una sostanza di colore biancastro, da qui il nome “Pietra Bianca”, ritenuta capace di trasformare i metalli vili in argento.
Per raggiungere la Pietra Filosofale sono necessari ulteriori processi, ognuno caratterizzato (e simboleggiato) da un simbolo astronomico e un colore.
Tutto chiaro?

Commenti

Commenti chiusi
Seguici via RSS


RecentComments

Ultimi Commenti
Comment RSS
Login
Accedi
 
 
Log in