Le Fate di Cottingley

scritto da giulia antonini il 17 giugno 2003 Commenti 0 Creature Leggendarie

Tra il 1917 e il 1920 la piccola Frances Griffiths e sua cugina Elsie Wright scattarono, nei giardini della loro casa di Cottingley (alla periferia di Bradford, Yorkshire), cinque misteriose fotografie che raffiguravano le due giovani intente a giocare con delle creature fatate.

Ben presto le foto fecero scalpore in tutta l’Inghilterra. La società teosofica di Bradford, nella persona di Edward L. Gardner, spedì le foto a Sir Arthur Conan Doyle (il famoso autore di Sherlock Holmes, che in quegli anni, avendo appena perso il figlio in guerra, aveva cominciato ad interessarsi di spiritismo e paranormale), con lo scopo di verificarne l’autenticità.

Doyle pubblicò quindi un primo articolo sulla vicenda nel numero di “Strand Magazine” del dicembre 1920, dal titolo “Fairies photographes an Epoch making event”. Un secondo articolo confermò l’autenticità delle foto dopo essere state sottoposte ad ingrandimenti ed esami dai più competenti fotografi inglesi.

Iniziarono però a sorgere voci in contrasto con le affermazioni di Doyle; si cercarono altre spiegazioni possibili, come ad esempio l’uso di immagini ritagliate al posto di vere fate. Lo scrittore insisteva sulla veridicità e la buona fede delle bambine, asserendo che non esisteva una pubblicazione contenente immagini simili, e che i risultati effettuati sulle foto avevano addirittura individuato segni di movimento nelle figure.
Fu solo nel 1978 che un ricercatore riuscì ad individuare l’origine delle misteriose fate di Cottingley; scoprì che erano identiche a delle immagini presenti nel libro “Princess Mary’s Gift Book”, pubblicato nel 1915.

Le due cugine, nel 1981, hanno infine ammesso di aver ritagliato le fate proprio da quel libro e di averle quindi usate per le foto. Stranamente insistettero fino alla fine che la foto che rappresentava alcune fate nel loro "bagno di sole" fosse autentica [ultima foto a destra]

Commenti

Commenti chiusi
Seguici via RSS


RecentComments

Ultimi Commenti
Comment RSS
Login
Accedi
 
 
Log in